Perché correre ci fa bene

Una sola domanda con mille risposte. Correre rilassa, si eliminano i chili di troppo e si può godere a pieno della natura. Una pratica efficace ed economica.Correre è semplice e pratico, bastano un paio di scarpe da ginnastica e tanta buona volontà!

run_happy

Con la corsa potete fare ciò che volete: da soli o in gruppo, andare piano o veloce, per dieci minuti o per due ore, al chiuso o all’aperto… è uno dei metodi più economici per mantenersi in forma.

Più ottimista e paziente rispetto a chi preferisce una vita sedentaria e reagisce meglio di fronte allo stress e alla depressione. E ancora, la corsa regala luminosità alla pelle, migliora la circolazione, la digestione e il metabolismo,rassoda il corpo e aiuta a contrastare la perdita di massa muscolare dovuta all’invecchiamento, un fattore che porta inevitabilmente all’aumento di peso.

Nel campo dell’allenamento aerobico la corsa non ha rivali perchè quando si corre bisogna sostenere il proprio peso in ogni fase del gesto atletico, al contrario della camminata, del nuoto e del ciclismo… certo poi dipende dal tempo e dalla situazione, ma con la corsa si brucia più calorie al minuto che con qualsiasi altra attività fisica.

Perchè rimandare?

  • È noiosa
    Certo, se percorrete la stessa strada, allo stesso ritmo, per lo stesso tempo, giorno dopo giorno, può diventare monotono. Ma nessuno vi costringe ad allenarvi sempre alla stessa maniera. Al contrario, correre può rappresentare sempre qualcosa di diverso, una sfida a migliorarsi. Per chi è alle prime armi è essenziale alternare la camminata alla corsa in modo da concentrarsi di più sulla tecnica e respirazione.
  • Fa male alle ginocchia
    Diversi studi hanno confermato che la corsa può davvero proteggere dall’artrite, mantenendo le articolazioni e il tessuto connettivo forti, lubrificati e ben nutriti. La verità è che se non soffrite di disturbi alle articolazioni, la corsa moderata non aumenta il rischio di artrite e non ne accelleralo sviluppo.
  • È troppo faticosa
    Il segreto è iniziare piano inserendo qualche minuto di camminata.
  • È imbarazzante
    Uscite la mattina presto, evitate i luoghi troppo affollati, indossate un paio di occhiali da sole, un cappellino evitando colori sgargianti…

group_runner

Pensate a tutti i vantaggi…

Fa bene al cuore

Gli studi dimostrano che correre fa bene all’apparato cardiocircolatorio: migliora l’efficienza cardiaca, combatte l’ipertensione e aiuta a tenere sotto controllo il colesterolo.

A seguito dello sforzo compiuto correndo, infatti, vengono immesse in circolo delle sostanze a funzione vasodilatatrice. L’alterazione del calibro dei vasi arteriosi si mantiene anche una volta esaurita l’attività fisica, e fa sì che il sangue fluisca incontrando meno resistenze. Il risultato è un abbassamento dei valori della pressione arteriosa.

Poiché l’ipertensione è uno dei principali fattori di rischio a livello cardiaco e cardiovascolare, la corsa è quindi un’attività consigliabile anche agli ipertesi. Rispetto agli altri, dovranno però fare più attenzione, evitare sforzi violenti e mantenersi su ritmi blandi, e iniziare a correre sempre e solo dopo aver sentito il parere di un medico.

Ma i benefici per il cuore non arrivano solo dall’alterazione della pressione dei vasi arteriosi: il muscolo cardiaco stesso è influenzato dall’attività della corsa, poiché un esercizio costante nel tempo fa sì che la frequenza cardiaca diminuisca a riposo. Questo determina un generale miglioramento dell’attività cardiaca, che non va a vantaggio solo dell’impegno nello sport, ma si riscontra anche durante lo svolgimento di normali mansioni quotidiane.

Per finire, un altro pericolo per il sistema cardiovascolare è il colesterolo, e anche in questo caso la corsa si rivela un aiuto. In effetti quando si parla di colesterolo si dovrebbe distinguere tra HDL, il cosiddetto colesterolo buono, e LDL, quello “cattivo” perché è il colesterolo che si deposita all’interno dei vasi, ostruendoli, ostacolando la circolazione del sangue, e finendo col causare patologie anche molto gravi. Il colesterolo HDL invece ha un effetto positivo sulla salute dei vasi sanguigni, poiché ha il compito di spazzare via il colesterolo LDL, limitando l’eventualità di disturbi, malattie e alterazioni come ipercolesterolemia e arteriosclerosi.

health

Studi americani hanno analizzato gli effetti di un’attività fisica costante sul colesterolo buono, monitorandone per sei mesi i valori in persone che correvano circa 45 minuti al giorno, cinque giorni alla settimana; hanno così scoperto che con una simile attività di corsa il colesterolo HDL aumenta del 14-15 per cento, mentre diminuiscono i trigliceridi.

Fa bene al peso…

Il grasso in eccesso non è solo un problema estetico, anzi, è soprattutto un attentato alla salute. Condizioni di sovrappeso e obesità favoriscono arteriosclerosi, disturbi cardiaci e circolatori, problemi al fegato. Il grasso in genere si deposita sul corpo secondo due modelli standard: a “pera”, cioè principalmente distribuito su fianchi e cosce, e a “mela”, localizzato prevalentemente sull’addome.

Quest’ultimo tipo di grasso in eccesso è il più pericoloso per la salute, ma è anche quello che si elimina più facilmente con l’attività fisica, corsa compresa. Chi corre perde peso molto più facilmente rispetto a chi non svolge attività fisica, e il dimagrimento è dovuto ad un processo chiamato lipolisi. Nel corpo umano il grasso viene immagazzinato in specifiche cellule addette al suo deposito, che si chiamano adipociti.

Durante la corsa, negli adipociti viene stimolata la lipolisi: queste cellule in pratica rilasciano il grasso, affinché possa essere bruciato per ottenere energia, che serve ai muscoli per sostenere lo sforzo della corsa. È in questo modo che svolgendo attività fisica il grasso corporeo diminuisce, con un guadagno in termini di salute e bellezza.

Ma non è solo il grasso in eccesso che viene contrastato dalla corsa: correre aiuta a tenere sotto controllo anche il livello degli zuccheri nel sangue. Una ricerca effettuata su un gruppo di pazienti, alcuni in terapia con insulina, alcuni con altri farmaci ad effetto ipoglicemico, e alcuni con valori di glicemia molto elevati, ha dimostrato che un regime dietetico appropriato associato ad allenamenti a base di camminate e corse, portava a risultati estremamente positivi.

peso minimo

Il 39 per cento dei soggetti coinvolti nell’esperimento ha potuto sospendere la terapia, mentre il 71 per cento l’ha potuta modificare alternando periodi con farmaci ad altri senza. L’attività fisica infatti fa sì che i muscoli vadano a prelevare (e quindi bruciare) una maggiore quantità di glucosio dal sangue; fattore questo estremamente importante sia per i diabetici sia in generale per tutti i soggetti con problemi di iperglicemia.

Fa bene alla mente…

Praticare attività fisica, corsa compresa, fa bene all’umore: aiuta a scaricare lo stress e la tensione, a tenere sotto controllo l’ansia, in definitiva a sentirsi meglio. È un fenomeno che si spiega facilmente grazie alle reazioni chimiche che avvengono nell’organismo e che influiscono anche sull’umore.

Stress e ansia sono strettamente correlati alle ghiandole surrenali, che sono quelle che producono e immettono in circolazione le catecolamine. Si tratta di ormoni, di cui i più conosciuti sono adrenalina, noradrenalina e dopamina. Questi ormoni vengono rilasciati in condizioni di stress perché si tratta di una normale reazione di difesa dell’organismo: lo stress e l’ansia potrebbero essere associati a un pericolo che il corpo deve fronteggiare al meglio, aumentando ad esempio la frequenza cardiaca.

Nel caso dei disturbi d’ansia, però, non c’è nessun pericolo “reale” che il corpo deve affrontare, e l’immissione in circolo delle catecolamine finisce per essere per esempio responsabile dei cosiddetti attacchi di panico, come di altri disturbi. Di contro, la corsa o l’attività fisica in generale stimola nell’ipofisi la produzione di endorfine, neurotrasmettitori con proprietà analgesiche, che causano, a seconda della quantità rilasciata, euforia o sonnolenza: sono in tutto e per tutto sostanze con proprietà analoghe a quelle di oppio e morfina.

Esiste, a proposito della sensazione di euforia che può essere causata dalle endorfine, un fenomeno chiamato Runner’s high: si riscontra perlopiù in sportivi professionisti, poiché per verificarsi è necessario uno sforzo prolungato di almeno trenta minuti; è tipico ad esempio dei maratoneti.

meditazione

Come illustrato sopra,la corsa porta molteplici benefici, l’importante non esagerare avere una buona costanza nella pratica, alternarla alla camminata specialmente le prime volte e associarla ad una  dieta moderata e piena id tutti quegli ingredienti che possono solo farci “comodo”.

Tu invece corri?Io si quando posso, sarei contentissimo condividessi il tuo punto di vista in merito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *